Pagine

martedì 12 ottobre 2010

Ruifard

Sempre sul mio libricino di ricette con le cotogne ho trovato questa ricetta e mi ha incuriosito molto.  Non è stato facile lavorare la pasta, mooooolto morbida, tant'è che alla fine per poterla stendere mi sono aiutata con della farina. Qui ci vorrebbe Adriano per aiutarmi a capire come fare!!!
Comunque nonostante la difficoltà, secondo il mio modestissimo parere è venuta bene.
La quantità esagerata di frutta è la sua particolarità, a me è piaciuta. Un dolce dal sapore un pochino asprigno che a fine pasto toglie la voglia di dolce senza troppi sensi di colpa.

ingredienti:

per la pasta:
250 gr farina
15 gr lievito di birra
1 uovo
1 cuccchiaio di olio (io di girasole)
1 cucchiaio di zucchero
1/2 bicchiere di panna
sale
acqua tiepida
latte
zucchero di canna e in granella

per il ripieno:
2 cotogne
4 mele (io mele rosse desirè)
4 pere (io pere nobili)
1 limone
1 bicchierino di liquore (io rum)
160 gr zucchero
2 cucchiai di burro

Ho sciolto il lievito in acqua tiepida (circa il 55% del peso della farina) e ho impastato aggiungendo un pizzico di sale, ottendendo una pasta omogenea. L'ho battuta più volte sul piano di lavoro.
Ho messo la pasta nella ciotola della planetaria con un uovo e ho lasciato impastare con la foglia. Una volta ben amalgamato ho aggiunto un cucchiaio di olio, poi la panna e infine lo zucchero. Ho lasciato impastare a lungo scaravoltando l'impasto più volte.
Poi l'ho messo a lievitare in forno tiepido per un'ora e mezzo.
Nel frattempo ho mondato e tagliato a pezzetti la frutta. In una capiente padella antiaderente ho messo il burro, la frutta, lo zucchero e il succo del limone, e fatto cuocere rimestando spesso per 10 minuti (ho aggiunto a mio gusto un po' di cannella, non prevista dalla ricetta originale). Poi ho aggiunto il liquore e lasciato il tutto asciugare ancora per qualche minuto.
Ho ripreso l'impasto e rovesciato sulla spianatoia infarinata, ho aggiunto un pochino di farina per lavorare appena l'impasto. L'ho diviso e una parte l'ho usata per foderare uno stampo a cerniera alzando l'impasto sul bordo.
Ho versato la frutta che nel frattempo si è intiedita e ho ricoperto con la pasta rimasta stesa.
Ho acceso il forno a 180° e appena il forno è diventato caldo ho infornato il dolce precedentemente spennellato con un po' di latte, spolverizzato di zucchero di canna e in granella.

 All'interno i pezzettini di pera rimangono belli sodi mentre le mele si spappolano e diventano cremose.

(nella ricetta originale la superficie andava lucidata con un tuorlo mescolato con un po' di latte, ma a me non piace sentire l'odore dell'uovo sul dolce).

7 commenti:

  1. Che bel dolce, particolare e buonissimo, io adoro sentirci la frutta. Bravissima, anche se la pasta sarà stata difficile da stenderla il risultato è ottimo.

    RispondiElimina
  2. bello alto e super ripieno di mele e cotogne che bontà..complimenti..
    ciao da lia

    RispondiElimina
  3. che ripieno Barbara, la trovo molto invitante, complimenti!!

    RispondiElimina
  4. che tortona deliziosa!!!
    bravissima!

    RispondiElimina
  5. Fredda è davvero buona, ricorda un po' lo strudel, ci affondi i denti e senti le diverse consistenze della frutta.

    RispondiElimina
  6. Buongiorno,

    il mio nome è Anna e faccio parte dello staff del sito di Smilla ( http://smillamagazine.com/ricette/ ), un aggregatore che offre una rassegna stampa quotidiana degli articoli pubblicati su siti di informazione e blog inerenti il mondo della cucina e del web in generale.

    Mi permetto di contattarti dopo aver scoperto il tuo blog , che contiene articoli che rispondono perfettamente ai nostri criteri di pubblicazione e che quindi potrebbero essere inseriti nel nostro sito.

    Il funzionamento di Smilla è molto semplice: una volta che un blog si iscrive sul nostro sito estrapoliamo per ogni articolo pubblicato un brevissimo snippet o breve riassunto che dir si voglia, del testo, pubblicando così una notizia incompleta che può essere letta nella sua versione integrale, seguendo il link apposto alla fine.

    Ti ricordo che gli aggregatori di notizie sono un prezioso strumento per accrescere la popolarità di ciascun blog citato poichè includono sempre un link diretto al post originale generando visibilità, popolarità e traffico. Ogni articolo aggregato su Smilla appartiene al legittimo autore e ne viene comunque indicato il link per risalire al post originale. In nessun caso SMILLA pretende di rubare contenuti altrui, ma spera di offrire un servizio d'informazione organizzata e sistematica per velocizzare la diffusione e la propagazione dei contenuti stessi.

    Sperando che il progetto di Smilla possa interessarti, rimango a disposizione per qualsiasi dubbio o richiesta di informazione.

    Per l'iscrizione su Smilla è sufficiente compilare il modulo raggiungibile all'url: http://smillamagazine.com/ricette/aggiungi_sito.aspx

    Cordialmente

    Anna P.

    P.S: scusa per aver utilizzato il form dei commenti ma non ho trovato una sezione contatti

    RispondiElimina
  7. che bella baba, da vedere mi ricorda l'american apple pie... i dolci coperti e "con sorpresa" sono i miei preferiti. sarà un rituffo nell'infanzia...

    ?!!!

    :)))

    RispondiElimina